0 3 minuti 2 settimane
Razzo

 Il razzo non deve solo volare nello spazio, ma anche essere in grado di tornare e atterrare in sicurezza.  Gruyère Space Program/ZVG 

Studenti del Politecnico federale di Losanna hanno costruito un razzo con l’obiettivo di mandarlo nello spazio per poi farlo nuovamente atterrare in sicurezza sulla Terra. I test in corso sembrano promettenti.

L’idea e l’ispirazione provengono dall’azienda aerospaziale statunitense SpaceX che ha sviluppato i primi razzi in grado di decollare, andare nello spazio e atterrare di nuovo in modo sicuro e senza danni.

Un gruppo di cinque friburghesi che studiano al Politecnico federale di Losanna (EPFL) ha costruito una replica di questo tipo di razzo. Hanno fondato l’associazione “Gruyère Space Program” e hanno trascorso gli ultimi tre anni a sviluppare tutti i componenti, il motore e i meccanismi di controllo. “Abbiamo iniziato con una pagina bianca”, spiega Julie Böhning, cofondatrice del programma.

Il risultato è un vero e proprio razzo alto due metri e mezzo, di un centinaio di chilogrammi, con un sistema di propulsione che funziona esattamente come un missile di grandi dimensioni, solo su scala più piccola. Il suo nome: Kolibri, dal piccolo volatile che riesce a fluttuare sul posto.

Aziende spaziali coinvolte

I ricercatori e le ricercatrici hanno già impiegato diverse migliaia di ore di lavoro. Aziende e privati della regione e società aerospaziali hanno investito complessivamente 200’000 franchi nel progetto. Alcune imprese hanno fornito consulenza.

L’obiettivo finale del gruppo di ricerca è ambizioso. Gli studenti e le studentesse vogliono costruire il primo razzo svizzero in grado non solo di volare nello spazio, ma anche di tornare indietro e atterrare in sicurezza. Il programma spaziale Gruyère è il primo passo elvetico in questa direzione. Attualmente sono in corso diversi test.

Test in una cava di ghiaia

In una cava di ghiaia nei pressi di Grandvillard, nella regione friburghese della Gruyère, il sistema di propulsione sarà testato dalla A alla Z, come in un vero lancio.

La parte più difficile è garantire che il razzo rimanga stabile quando è in aria. Sono necessari algoritmi per allineare con precisione la propulsione in modo che stia in posizione verticale. E deve farlo in modo indipendente, senza controlli esterni.

Fuoco e missile
 Un’esplosione del razzo durante il test sarebbe stata la peggiore delle ipotesi. Fortunatamente, tutto è andato bene.  Gruyère Space Program/ZVG

Fonte

Redazione