Alla luce dell’aggiornamento del rapporto ISTAT sulle cause di mortalità (tutte le cause), cerchiamo di dare una visione numerica riguardante tutte le cause di mortalità in Valle Intelvi, comprendendo i Comuni appartenenti. Non mi soffermo sulle differenze tra anno 2020 e anno 2021 riguardanti le politiche applicate, ma rimango alla mera rappresentazione dei numeri estrapolati dal sito ISTAT.

Dalla tabella consultabile sul sito ISTAT (1), la quale paragona i dati disponibili al 31/10/2020 ed i dati sino al 31/10/2021, nonché la media mensile dal 2015 al 2019, si estrapolano i seguenti dati:

COMUNE

DECESSI AL 31/10/2020

DECESSI AL 31/10/2021

VARIAZIONE PERCENTUALE

ARGEGNO

12

8

– 35%

BLESSAGNO

3

3

0%

CERANO D’INTELVI

6

1

-84%

CLAINO CON OSTENO

5

11

+120%

DIZZASCO

20

10

-50%

LAINO

6

5

-17%

PIGRA

2

1

-50%

PONNA

3

8

+167%

SCHIGNANO

17

11

-36%

ALTA VALLE INTELVI

33

48

+46%

CENTRO VALLE INTELVI

39

24

-36%

TOTALE

146

130

-11%

Da un’analisi generale si denota una diminuzione della mortalità di circa il 11% rispetto all’anno precedente, come si nota una tendenza diversificata in alcuni paesi (alcuni hanno avuto un incremento della mortalità (anche importante), alcuni un decremento).

Nelle tabelle seguenti i raffronti con la mortalità (sino al 31 ottobre) degli anni precedenti (2) (3).

COMUNE

DECESSI 2015

DECESSI 2016

DECESSI 2017

DECESSI 2018

DECESSI 2019

 

 

 

 

 

ARGEGNO

8

6

4

10

7

BLESSAGNO

0

1

5

1

3

CERANO D’INTELVI

7

4

2

84

8

CLAINO CON OSTENO

5

10

9

8

4

DIZZASCO

11

13

25

15

8

LAINO

9

4

7

13

7

PIGRA

5

3

6

5

1

PONNA

3

3

3

5

5

SCHIGNANO

3

6

12

5

13

ALTA VALLE INTELVI

32

36

27

38

33

CENTRO VALLE INTELVI

22

29

27

28

24

TOTALE

105

115

127

132

113

Questi dati meriterebbero un’analisi più approfondita, a fronte del periodo pre-pandemia e post-pandemia, attualmente il tasso di mortalità si assesta sui livelli degli anni 2017 – 2018, va sottolineato che il raffronto è basato su dati sino a fine ottobre 2021 e non annuali, l’anomalia riguarda l’anno 2020 e non su tutti i paesi.

Attendiamo i dati finali per capire e fare un raffronto su quanto possa aver influito la pandemia sul tasso di mortalità generale del territorio.

(*) fonti

(3) http://demo.istat.it/index.php (per gli anni 2018 – 2019)

(2) http://demo.istat.it/serienonricostruite/ (per gli anni 2015 – 2016 – 2017)

(1) https://www.istat.it/it/archivio/240401 (dati 2020 – 2021)

Di VALLE INTELVI NEWS

Giornale con notizie della Valle Intelvi ma con uno sguardo attento sul mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.