ELEZIONI AMMINISTRTIVE 12 GIUGNO 2022

Candidato Sindaco : sig. GRANDI LUIGI nato a Como il 29-12-1963

Candidati alla carica di Consigliere Comunale

N.Cognome e NomeLuogo e data di nascita
1BARUFFALDI ALBERTOCOMO – 23/07/1960
2CLERICI DARIOSAN FEDELE INTELVI – 05/09/1955
3DE MARIA GIOVANNICOMO -15/04/1997
4FASOLI ALBINOCOMO -10/05/1959
5GIUMINI FABIOVARESE – 29/11/1985
6MASSONE GLAUCOGENOVA – 22/06/1973
7MAZZI PAOLOCOMO – 01/06/1959
8NOSEDA MADDALENACOMO – 29/01/1961
9PATERLINI MARZIACOMO -16/11/1974
10SOLDATI GRAZIANOPONNA – 03/08/1957

PROGRAMMA ELETTORALE LISTA CIVICA “SOLO cose BELLE”

Premessa del Candidato Sindaco, già pubblicata su social locale:

Avrei voluto evidenziare in questa fase alcune situazioni gestite male dalla nostra attuale Amministrazione Comunale.

Ero già partito sul mio profilo social, avrei voluto fare un po’ di casino, fare emergere un po’ di magagne, poi mi sono accorto che non è questo che io voglio, non è questo che la gente vuole, che avrei generato solo tensione, aumentando la litigiosità tra le persone. ln definitiva avrei portato solo cose brutte, anche a me stesso (io voglio vivere bene, in pace con me stesso e con gli altri).

Mi si è accesa una lampadina: da oggi SOLO COSE BELLE, una bella lista, belle persone, un bel programma, belle azioni mirate a farci stare bene, a riscoprirci PARTE ATTIVA Dl UNA COMUNITÀ.

Una bella campagna elettorale fatta con il sorriso, fatta con gioia, fatta con azioni vere, che verranno ripetute nel corso degli anni e non solo al momento in cui si ha bisogno del voto.

Mi sono chiesto: “Com’è il Comune che vorrei?”.

Ecco, io IMMAGINO un Comune fatto da persone solidali tra loro, che amano incontrarsi e salutarsi. Se serve ad aiutarsi.

Un Comune dove tutti ci conosciamo e se arriva qualcuno da fuori facciamo di tutto per conoscerlo, per integrarlo, per farlo sentire parte di una grande famiglia.

IMMAGINO giornate dedicate alla pulizia di boschi e sentieri, e delle strade forestali. Con il supporto di Alpini, Associazioni varie, Parrocchie, Cacciatori e semplici cittadini. Ma non un gruppetto di cinque persone, che poi perdono l’entusiasmo e la voglia, ma un gruppo molto numeroso.

Si fa un programma di lavoro, ci si divide per squadre e a ognuna il suo compito, e poi via verso la montagna a prendercene cura con gioia, con passione e con il piacere di stare assieme. Mattinate di lavoro e poi tutti insieme a mangiare e fare festa.

A RIBADIRE LA NOSTRA FORZA Dl ESSERE COMUNITÀ

IMMAGINO giornate dedicate ai bambini delle scuole elementari. Si esce dalla scuola e si va a pulire il mondo, oppure a vedere da dove arriva e come arriva l’acqua potabile nelle nostre case.

Oppure si va a vedere la Bolla delle Fate, la Bolla del Caslè, la Fontana dei Soldati. Il bambino conosce la realtà che lo circonda se ne innamora e da adulto se ne prenderà cura.

IMMAGINO giornate dedicate ai nostri ragazzi.

Riunioni organizzate dal Comune dove i ragazzi si aprono e propongono iniziative che verranno realizzate da loro stessi con il supporto del Comune.

E’ importante capire che il Comune non è una cosa distante ma è parte della loro vita, e appartiene a tutti, anche a loro e così

SI PREPARANO A FAR PARTE DELLE FUTURE AMMINISTRAZIONI COMUNALI

Sento la necessità quasi l’impellenza di trasmettere qualcosa di utile ai nostri ragazzi come valori morali, cultura sportiva come la passione di correre nei boschi.

E’ una attività sana che aiuta a raccogliere i pensieri e a trovare le giuste soluzioni.

Dopo una corsa il mondo è sempre migliore. Provare per credere. IMMAGINO giornate dedicate alla persone meno giovani.

Circoli ricreativi dove incontrarsi e stare insieme e rimanere lì ad ascoltare le loro storie.

IMMAGINO una comunità unita nell’educare i nostri ragazzi.

Se passo e sento una bestemmia mi fermo, e in maniera garbata cerco di conoscere e far capire che è una azione che porta solo negatività, a chi la compie e a chi l’ascolta. IMMAGINO una comunità unita nel mantenere il decoro del nostro paese.

Se vedo una carta per terra mi fermo e la raccolgo, come faccio normalmente nel mio giardino. Ecco le strade, i marciapiedi e le piazze dobbiamo viverli come fossero il nostro giardino. Non butteremmo mai il mozzicone della sigaretta nel nostro giardino. IMMAGINO amministratori nelle vie e nelle piazze, presenti nella vita quotidiana delle persone e al servizio delle persone. IMMAGINO palazzi municipali aperti

IMMAGINO la massima trasparenza amministrativa dove si sappia chiaramente quello che succede in Comune e come vengono spese le risorse Comunali.

IMMAGINO una serie di piccoli gesti, quelli compiuti da tante persone, che siano da esempio e traino per tutti.

IMMAGINO una comunità tutta protesa al bene comune e se qualcuno rimane indietro ci si ferma e lo si aiuta a rientrare con gli altri.

Una comunità solidale che non può essere realizzata con la censura, l’arroganza e le brutte parole.

SOLO COSE BELLE

lo immagino la mia posizione all’interno del Comune, se dovessi essere in minoranza: sarò propositivo e collaborativo. Tutti a remare nella stessa direzione per il bene comune.

Ma non sicuramente una minoranza silente e impalpabile.

Una minoranza che fa sentire forte la sua voce e una minoranza feroce se ci saranno delle ingiustizie, come quella perpetrata nei confronti di una famiglia di Pellio, che dopo due gradi di giudizio a suo favore, in una causa intentata dal Comune di Pellio, è ancora costretta a spendere soldi per avvocati (ha già speso più di 30000 EURO).

Perché il Comune non demorde forte della disponibilità di soldi pubblici (queste sono cose brutte, che non fanno certamente il bene comune e rovinano la vita alle persone). Una minoranza severa nel censurare episodi di arroganza come quello occorso alle maestre dell l asilo di Pellio durante l’ultimo carnevale.

Torniamo alle cose belle.

E’ un libro dei sogni? Può darsi.

Ma se siamo in tanti a scegliere di sognare, i sogni si avvereranno. Dipende tutto da noi. lo sono un sognatore.

Ho sognato dal 1995 al 2004 come Sindaco di Pellio, con un impegno quotidiano e costante, rinunciando a un lavoro e a uno stipendio per servire meglio la mia gente.

Ne vado orgoglioso.

Se anche tu ti riconosci in quello che ho scritto e pensi che un mondo migliore dipende anche da noi chiamami

3516590319

Ho bisogno di sognatori per costruire la nostra lista SOLO COSE BELLE

PROGRAMMA ELETTORALE LISTA CIVICA “SOLO COSE

Urbanistica e territorio – Densità costruttiva.

Ci sono numerose seconde case. La sproporzione è disarmante. Pensare di crescere con il consumo del suolo è autolesionismo. La lista sostiene il recupero edilizio dell’ esistente. La lista procederà ad un censimento particolareggiato. Appena pronta intraprenderà le azioni ritenute più opportune per la collettività. Il disinteresse e l’abbandono non devono portare la comunità verso la decadenza del territorio.

Urbanistica e tradizione – Piano di recupero dei centri storici

Non è rimandabile. Attraverso un accordo con soggetti pubblici/privati per l’acquisto a prezzo simbolico degli immobili più decadenti, con una duplice finalità: mettere in sicurezza e riqualificare vecchie case abbandonate, in alcuni casi anche pericolose.

3a Decoro urbano – Partecipazione attiva.

Il decoro urbano sarà garantito, come sempre, da un puntuale coordinamento degli operatori ecologici; con la fattiva collaborazione di tutta la cittadinanza (Amministratori in testa).

Non è pensabile che sia compito esclusivo degli addetti provvedere in toto alla pulizia dei nostri paesi. Dovremo abituarci a raccogliere le carte che troveremo sul nostro cammino e conferirle negli appositi contenitori.

Solo così avremo un paese veramente pulito,

4a Ambiente e viabilità — Sentieri e mu/attiere.

La rete di vie di comunicazione che i nostri antenati ci hanno lasciato in eredità è magnifica. Ci sono tracciati, sentieri, mulattiere che devono costituire l’ossatura di una proposta escursionistica.

Chiunque voglia trascorrere una giornata camminando per questi luoghi deve trovare una accoglienza degna. Chi si avventura nei boschi deve avere la sicurezza che la via sia percorribile senza pericoli. Elevare il livello attirerà sempre più visitatori, comitive, famiglie. Il progetto prevede, attraverso l’apporto delle associazioni, due interventi annui di manutenzione ordinaria dei sentieri, con pulizia dei tagliacque. Ogni associazione che si renderà disponibile adotterà un sentiero, con la fattiva collaborazione dell’Amministrazione Comunale. Per alcuni sentieri verrà prevista una manutenzione straordinaria, con la realizzazione di nuovi tagliacque, al fine di preservarne l’integrità.

5a Futuro del territorio – Hotel Touring Sighigng/a.

Siamo molto critici nella scelta della precedente amministrazione di impegnare così tante risorse pubbliche, per realizzare un albergo di lusso in cima ad una montagna, sottraendole di fatto ad interventi di evidente interesse pubblico..

2.200.000 € di costo complessivo, dei quali

1.400.000 € di fondi comunali, dei quali

600.000 € accensione di un mutuo

Un albergo di lusso, rivestito di una lega di acciaio chiamata “corten”, che col tempo cambierà colore fino a stabilizzarsi su un color ruggine.

Un albergo di lusso del quale bisognerà prevedere tutto l’arredamento e per il quale si deve trovare qualcuno disposto a gestirlo, pagando un canone d’affitto di una certa entità.

Siamo fermamente convinti che il compito di un Comune è realizzare opere di interesse e di utilizzo pubblico (scuole, palestre, strade, marciapiedi, . . ) , mentre gli alberghi siano di competenza, iniziativa e soldi privati.

ln Sighignola sarebbe bastato ricreare quello che ben funzionava nell’ultima gestione attiva: un Ristorante Bar con servizi pubblici per i visitatori.

Si sarebbe potuto realizzare una bella struttura in legno e sasso a un solo piano, molto meno invasiva, con un costo notevolmente inferiore e un possibilità di gestione sicuramente più remunerativa.

La nostra lista si impegna, se dovessero emergere difficoltà di realizzazione dell’attuale progetto, a proporre un referendum popolare atto a modificare il progetto esistente, riducendolo a quanto scritto sopra.

6a Energia pulita – Micro e mini idroe/ettrico.

Il D. L. entrato in vigore in Italia consente l’autoproduzione e distribuzione locale di energia da fonti rinnovabili, in utenze di comunità locali alimentate dalla medesima cabina primaria della rete nazionale, L’elettricità prodotta non sarà solo gratuita , ma anzi remunerata per 20 anni.

Sono già nate alcune piccole comunità energetiche indipendenti, a dimostrazione che tutto questo è fattibile e conforme alla Direttiva Europea.

La tecnologia mette già a disposizione apparati che funzionano con pochi litri al secondo, che potrebbero essere installati nei nostri bacini, in modo da utilizzare la forza dell’acqua che viene dagli invasi superiori, per produrre energia elettrica.

7a Comunità energetiche

Da fine febbraio è lecito vendersi energia tra privati. La cosa interessante è che ci sono agevolazioni per i privati che vogliono dotarsi di nuovi impianti. Anche i Comuni possono partecipare. Le formule sono molteplici: dall’installazione su immobili di proprietà, al noleggio di tetti altrui. Non includono solo il fotovoltaico ma anche il minieolico e anche le altre fonti rinnovabili..

Per i piccoli Comuni ci sono 2,2 miliardi di € di finanziamenti della Regione Lombardia. La lista non vorrebbe perdere questa opportunità.

80 Ambiente e allevamento — Pieno sostegno a//e attività produttive.

La nostra lista sarà particolarmente vicina alle persone dedite all’allevamento e alla produzione di prodotti locali, visti come vere sentinelle del territorio.

Ci adopereremo il più possibile per andare incontro alle loro esigenze e richieste, accompagnandoli nell’individuazione di contributi e opportunità di sviluppo.

90 Turismo — Va/orizzare i/ territorio.

Riteniamo che l’offerta turistica non possa prescindere dalla salvaguardia e dalla valorizzazione delle risorse territoriali.

Pensiamo alla realizzazione e pubblicizzazione di percorsi tematici, che creino curiosità e aspettative. Gli angoli incantati delle nostre montagne porteranno allora sia turisti che i residenti a conoscerli e frequentarli.

Esempi:

Il Percorso delle Bolle.

La Fioritura della foresta del Maggiociondolo Il Percorso delle Trincee ij Balcone d’Italia

Fondamentale è farsi conoscere con operazioni di marketing mirato, fatta in maniera professionale.

E’ sempre interessante partire dalla realtà che ci circonda, riconoscere le ricchezze che già si sono insediate nel territorio comunale. Nella frazione lanzese abbiamo invidiabili strutture alberghiere, ci sono e stanno nascendo sempre più B&B (bed and breakfast) gestiti da famiglie che mettono a disposizione i loro appartamenti. Sono sorti agrituristi, locande e attività di ristorazione dove trovare buoni prodotti. Noi ci proponiamo di affiancare a tutte queste realtà al fine di favorire e incentivare le iniziative indirizzate allo svolgimento di manifestazioni a carattere locale. Tutto questo per alimentare sempre di più la visibilità di un territorio unico.

Ambiente e rifiuti — Bonifica de//e discariche.

Il progetto prevede l’individuazione e il risanamento delle varie discariche abusive presenti sul territorio.

I luoghi di abbandono dei rifiuti vanno eliminati.

Sono un pessimo biglietto da visita per il nostro paese.

11a Acqua potabile – Massima attenzione.

Il progetto prevede la pulizia annuale di tutte le opera di presa, di tutti i bacini presenti sul territorio.

Prevede il pronto e sollecito intervento per la riparazione di eventuali perdite e prevede l’individuazione di nuove fonti di captazione.

Tutto questo sarà a carico di COMO ACQUA, con la fattiva collaborazione, puntuale e severa, dell’Amministrazione Comunale.

Sarà inoltre fornita l’assistenza ai cittadini nelle vertenze tra COMO ACQUA e i privati.

Asilo infantile

Verrà sicuramente previsto l’asilo GRATUITO ESTIVO durante il periodo di Luglio, i costi delle insegnanti saranno interamente a carico del Comune (un Comune che spende € 9.600 per noleggiare 6 alberi di Natale pensiamo che si possa tranquillamente impegnare a pagare due maestre per 1 mese):

Per i bambini di Lanzo verrà messo a disposizione il pulmino comunale per permettere di recarsi a Pellio nel periodo di Luglio, in quanto l’asilo di Pellio ha il grande vantaggio di avere un bellissimo giardino.

Negli anni a seguire verrà migliorata l’area divertimenti con la fornitura di nuovi giochi e sarà previsto l’acquisto di materiale didattico a carico del Comune.

ln una Nazione (ITALIA) dove l’indice di natalità è perennemente in ribasso è il giusto supporto che questa amministrazione ritiene di poter dare alle famiglie con bambini frequentanti la scuola materna.

13a Bambini – Le scuo/e.

La scuola rappresenta la colonna portante di ogni comunità, per questo motivo deve essere costantemente valorizzata e supportata dall’Ente Comune, attraverso, per esempio, il miglioramento del servizio mensa, la manutenzione costante degli edifici scolastici (interna ed esterna), la riqualificazione delle aree esterne e delle palestre, la promozione dei rapporti tra la scuola e le agenzie educative extrascolastiche (per esempio, avviando progetti che possano valorizzare maggiormente la conoscenza del territorio, la storia, la cultura, le tradizioni e le usanze del paese).

Pensiamo che i bambini, oltre all’educazione che ricevono nel proprio ambito familiare e scolastico, abbiano bisogno di riferimenti precisi da parte degli adulti nella loro vita qüotidiana. Ogni adulto dovrebbe, con il suo esempio, con le sue azione e con le sue parole, essere parte dell’educazione che ricevono i bambini.

La lista, nella persona del candidato Sindaco, con altre persone che vorranno collaborare, sarà molto vicino al percorso di crescita dei vostri bambini.

E allora la lista promuove l’organizzazione di giornate a tema, dedicate ai bambini con passeggiate sul territorio per imparare a conoscere piante, funghi, fossili, animali, arte e cultura della Valle Inteivi.

GIORNATA DELL’ALBERO con piantumazione di alberi da frutta

GIORNATA DEL PAESAGGIO

GIORNATA DELLA CULTURA

PULIAMO IL MONDO

IL CICLO DELL’ACQUA

ALLA SCOPERTA DELLE BOLLE

14a Ragazzi e ragazze – Spazie fondi dedicati

I giovani vanno invitati a partecipare attivamente, fornendo spazi e fondi a loro dedicati, dei quali potranno disporre per organizzare eventi e attività.

Questa lista si impegna a mettere a disposizione una sala civica ad esclusivo utilizzo dei ragazzi in ogni ex-Comune di Alta Valle.

Si impegna inoltre ad avere incontri periodici con i ragazzi, per favorire uno scambio di proposte e di obbiettivi,

Verranno incentivate tutte quelle attività sportive, culturali e ricreative, che possano portare benessere psicofisico ai nostri ragazzi.

I giovani sono il nostro futuro e dobbiamo averne cura.

Dobbiamo dare loro fiducia.

Dobbiamo accettare che possano sbagliare.

Dobbiamo aiutarli a crescere.

Inoltre daremo immediata attuazione all’art. 5 dello Statuto Comunale, che recita testualmente:

“// Comune, a//o scopo di favorire /a partecipazione dei ragazzi a//a vita co//ettiva, può promuovere /’e/ezione de/ Consig/io comunale dei ragazzi

// Consig/io comunale dei ragazzi ha i/ compito di deliberare in via consultiva ne//e seguenti materie: po/itica ambienta/e, sport, tempo /ibero, giochi, rapporti con enti associativi, cultura e spettacolo, pubblica istruzione, po/itiche assistenzia/i e socia/i

Le moda/ità di e/ezione e i/ funzionamento de/ Consig/io comuna/e deiragazzi sono stabiliti con apposito regolamento.

15a Terza età – Piacere di ascoltare

Tutti conoscono molte persone del nostro Comune sopra gli 80 anni.

Persone con una vita vissuta intensamente, con tante storie da raccontare e da condividere.

Persone allegre e spiritose, con cui è piacevole scherzare, raccogliere consigli e insegnamenti e con le quali riscoprire il senso di essere comunità.

Ci proponiamo di istituire circoli ricreativi, per passare delle giornate assieme, orti comuni per condividere una passione e scambiarsi le competenze.

Vogliamo pensare anche ai più fragili, impegnandoci a fornire loro:  sportello per il disbrigo pratiche ASST Lariana  supporto a domicilio per pratiche burocratiche in presenza di problemi di invalidità  altri servizi di accompagnamento, che si evidenzieranno lungo il percorso.

16a Trasparenza amministrativa

La nostra lista si impegna a far conoscere alla popolazione le delibere di Consiglio, di Giunta e le determine più significative, pubblicando un sunto dei contenuti su un canale social. Così ogni cittadino potrà essere sempre informato di quanto succede in Comune.

17 n Sport e attività per il tempo libero

La lista si impegna a favorire la pratica di tutte le attività sportive presenti sul territorio, organizzando insieme alle associazioni corsi gratuiti per i ragazzi.

Si impegna inoltre a esaudire eventuali richieste di strutture, provenienti da gruppi di cittadini che vogliano dedicarsi a qualsiasi attività sportiva.

Saremo disponibili e presenti.

Ci impegnamo inoltre a realizzare percorsi di cross country, da percorrere correndo, passeggiando o in mountain bike.

  • ANELLO DELLA VALLE DELLA FORNACE
  • ANELLO DELLA VALLE DELL’INFERNO

 ANELLO DELLA CAVA

 ANELLO DEL MONTE PINZERNONE

I percorsi ricalcheranno le strade già esistenti e basterà segnalarli e farli conoscere ai residenti e ai turisti.

18a Terzo Settore – Consu/ta e bi/ancio partecipata

Le associazioni sono una risorsa importantissima per lo sviluppo socio-economico di un paese. Le nuove normative (legge delega 106/2016) riordinano la complessa realtà delle no profit integrandola in un testo completo. Il nostro gruppo intende promuovere e proteggere tutte le realtà associative del paese attraverso un lavoro di coordinamento e sostegno che sia da sprone per la collaborazione interassociativa. Ci riferiamo alla intenzione di costituire la consulta delle associazioni, organo utile per coordinare le attività delle associazioni con le finalità del Comune, in modo tale da garantire una crescita negli ambiti culturali, sociali, di volontariato e sportivi. Oltre ai contributi tradizionali erogabili alle associazioni è nostra intenzione proporre una quota di “bilancio partecipato” attraverso il quale si possa destinare, una parte delle risorse disponibili per il terzo settore, a progetti particolarmente edificanti per la crescita del paese.

19a Disabilità

Spesso invisibili, perché lasciati in capo alle famiglie. Le persone disabili vengono il più delle volte emarginati. Non riescono a tenere il passo di quelli considerati normodotati. ln questo campo siamo convinti che servano a poco le parole. Serviranno fatti concreti, con un taglio decisamente sartoriale, costruito su ogni persona che ne necessita. Proponiamo un ascolto concreto e fattivo, teso alla risoluzione delle problematiche che di volta in volta ci verranno presentate.

Commercio ed Artigianato

Pensiamo si possa porre rimedio all’atteggiamento lassista attuato finora. Sono sotto gli occhi di tutti le chiusure commerciali degli ultimi anni. Certamente si possono dare colpe alle epidemie, a questo e quest’altro, o anche alle ipotetiche incapacità imprenditoriali. Molte attività hanno abbassato le saracinesche senza che sia stato fatto l’indispensabile per tenerle aperte e vive. Dietro alle chiusure ci sono persone, famiglie che hanno investito nel territorio per dare un servizio alla comunità,

Noi proponiamo, oltre a mantenere un dialogo costante con gli imprenditori, di introdurre piani economici e formativi mirati alle nuove generazioni.

Lavori pubblici – Sistemare /’esistente.

Ci sono parecchie piccole cose che vanno sistemate.

Tombini e griglie non a norma, oppure palesemente rotte.

Pavimentazioni nelle piazze che non vogliono saperne di stare al loro posto, nonostante continui e dispendiosi interventi.

La nostra lista si propone di provvedere ad una sistemazione generale dell’esistente, recependo le indicazioni e le sollecitazioni dei cittadini.

Particolare attenzione verrà dedicata agli edifici presenti sul territorio di proprietà comunale, iniziando una seria e attenta riqualificazioni di quelli attualmente in uso.

 Per quelli sempre di proprietà comunale, attualmente inutilizzati che giacciono in semi abbandono, andrà da prima definito con la Curia i vari diritti di usufrutto e poi si potrebbe pensare ad un programma di edilizia residenziale.

Particolare attenzione verrà posta sulla prevenzione di eventi potenzialmente catastrofici. Un esempio lampante è la Via all’Alpe a Pellio.

Questa via durante le forti piogge è soggetta a carichi di acqua che la fanno diventare una valle, con evidenti pericoli per le cose, le persone e gli animali (l’anno scorso una stalla che si trova adiacente è stata allagata e un capretto è morto).

La prevenzione inizierà a monte, con il ripristino di un vecchio canale esistente e ormai compietamente in disuso, per poi realizzare una serie di interventi atti a disperdere l’acqua nei prati limitrofi.

Non sarebbe serio in questo momento fare l’elenco dei lavori pubblici che si potrebbero realizzare, citando gli elenchi fatti nei vecchi programmi elettorali.

La scelta degli interventi da realizzare si evidenzierà strada facendo, secondo le necessità, le opportunità (possibili finanziamenti ad hoc) e la disponibilità finanziaria del nostro Comune, che andrà attentamente verificata. Ci limitiamo a citare:

il marciapiede che da Pellio Inferiore va a San Fedele; la riqualifica strutturale del Tennis di Lanzo, con il restyling dei campi da gioco; la ristrutturazione di casa Bolla a Ramponio.

Come grande sogno un nuovo plesso scolastico a Lanzo, comprensivo di Asilo e Palestra, e di un’area verde recintata e usufruibile dai ragazzi;.

Questi si che sarebbero soldi spesi bene e si farebbe realmente l’interesse pubblico (invece NO fanno un ALBERGO, sic)

Non mancheremo inoltre di stimolare e sollecitare COMO ACQUA per il proseguimento della posa di nuove condotte fognarie, con la separazione di acque scure e acque chiare.

Stesso atteggiamento di stimolo e controllo lo avremo nella gestione degli acquedotti e deglil impianti di depurazione.

Popolazione – Sentirsi parte di una comunità.

Vorremmo ricreare nei cittadini un senso di appartenenza, che stiamo forse perdendo. Il piacere di incontrarci, di salutarci e sorriderci, ma anche di raccogliere la cartaccia dal marciapiede. Vogliamo far rinascere la voglia del bello, partecipando tutti a realizzarlo, con la nostra quotidianità.

Ci battiamo per il piacere di stare e fare le cose insieme, che siano feste o altro.

Crediamo che il Comune sia il luogo dell’accoglienza e della disponibilità, dove c’è chi ascolta le nostre richieste, dove si possa entrare con piacere e serenità e non come adesso che si respira un clima di ansia e arroganza.

Dipende solo da NOI.

Se lo vogliamo lo possiamo fare.

23a Partecipazione

La lista propone come Sindaco Luigi Grandi, che vanta una esperienza amministrativa di tutto rispetto:

Sindaco a tempo pieno dal 1995 al 2004 nel Comune di Pellio Intelvi

Assessore all’ecologia in Comunità Montana

Promotore di numerosi interventi in Comune di Pellio, che alleghiamo al nostro programma Nel corso di questi mesi, di ricerca di candidati da inserire in lista, abbiamo incontrato numerose persone che ci hanno aperto le loro porte, e con le quali abbiamo condiviso pensieri, idee e sensazioni.

Non se la sono sentita di entrare in lista per svariati motivi. C’è chi ha troppi impegni lavorativi e famigliari, e c’è chi invece ha un senso di timore nell’esporsi pubblicamente.

Quest’ultimo è uno dei motivi principali che ci spinge a candidarci, perché la libertà di espressione deve essere sacra in qualsiasi comunità. Una gestione troppo autoritaria porta i cittadini ad un allontanamento dalla cosa pubblica.

Molte persone ci hanno dato la disponibilità a collaborare fattivamente con noi, in caso di successo elettorale.

Quindi non indicheremo i nomi dei prosindaci ma riteniamo di formare un gruppo di lavoro atto a soddisfare le esigenze e i bisogni dei cittadini. Desideriamo ringraziare tutte le persone che ci hanno aiutato e incoraggiato in questa fase, parecchio complicata di assemblaggio della lista. Grazie di cuore

Di VALLE INTELVI NEWS

Giornale con notizie della Valle Intelvi ma con uno sguardo attento sul mondo

Un pensiero su “LISTA N. 1 SOLO COSE BELLE”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.