1867

Dottor Carlo Pasta costruisce il primo albergo Monte Generoso Bellavista.

2 LUGLIO 1886

Costituzione della SA del Monte Generoso e prima concessione per costruzione ferrovia a scartamento ridotto e a cremagliera.

4 GIUGNO 1890

Inaugurazione Ferrovia Monte Generoso.

1909

Vendita della FMG SA alla SA Italo-Svizzera Monte Generoso.

1940

Ripresa della SA da parte dei signori Hermann e Casoni.

27 MARZO 1941

Su iniziativa di Charles Hochstrasser, Gottlieb Duttweiler acquista la FMG.

1970

Costruzione Albergo Ristorante Vetta.

1982

Elettrificazione della ferrovia.

1 GENNAIO 1993

Assume la direzione Sergio Barenco.

1996

Inaugurazione Osservatorio Astronomico. Madrina Margherita Hack.

1999

Apertura della “grotta dell’orso”.

7 LUGLIO 2000

Acquisto della Bellavista e del vecchio Albergo “Des Alpes”.

1 APRILE 2005

Assume la direzione Marco Bronzini.

2014

Demolizione del vecchio Albergo-Ristorante Vetta Monte Generoso.

1 GENNAIO 2015

Assume la direzione Francesco Pasquale Isgrò.

15 APRILE 2015

Inizio lavori nuova struttura turistica “Fiore di pietra”.

29 MARZO 2017

Inaugurazione della nuova struttura “Fiore di pietra”.

8 APRILE 2017

Apertura “Fiore di pietra”.

1 AGOSTO 2018

Assume la direzione Lorenz Brügger.

11 NOVEMBRE 2019

Prima fase della sostituzione della sovrastruttura ferroviaria.

6 GIUGNO 2020

Covid (apertura posticipata).

14 OTTOBRE 2020

Decisione di riaprire la Buvette a Bellavista.

8 NOVEMBRE 2020

Decisione trasferimento osservatorio.

9 NOVEMBRE 2020

Seconda fase della sostituzione della sovrastruttura ferroviaria.

3 MAGGIO 2021

Smantellamento dell’Osservatorio e preparazione per trasferimento al Gurten.

GIUGNO 2021 

Swiss Location Award – Il Fiore di pietra in vetta al Monte Generoso entra nella Top Ten delle più belle location per meeting, convegni, workshop e team-building di tutta la Svizzera con il sigillo di qualità ‘Eccellente’. È la migliore di tutto il Ticino.

Adesione da parte della Ferrovia e del Camping Monte Generoso all’iniziativa “Cause We Care” della fondazione svizzera myclimate

8 NOVEMBRE 2021

Terza fase della sostituzione della sovrastruttura ferroviaria.

15 DICEMBRE 2021

Primo colpo di piccone per la ristrutturazione del Buffet Bellavista.

Ferrovia Monte Generoso è un’istituzione del Percento culturale Migros, parte integrante dell’impegno sociale del Gruppo Migros: migros-engagement.ch

Di VALLE INTELVI NEWS

Giornale con notizie della Valle Intelvi ma con uno sguardo attento sul mondo

4 pensiero su “FERROVIA DEL MONTE GENEROSO: la storia”
  1. Tratto da Varesenews.it 15-12-2021
    “Chiuso nel 2013 durante la costruzione del Fiore di pietra in vetta, il Buffet Bellavista riaprirà a settembre del prossimo anno, dopo 8 mesi circa di lavori ed un investimento di 1 milione di franchi a carico del Percento culturale Migros, che dal 1941 supporta la Ferrovia Monte Generoso. Somma che va ad aggiungersi ai 50 milioni di franchi già investiti con la costruzione del Fiore di pietra, inaugurato nel 2017, e il risanamento della sovrastruttura ferrovia (nel quadriennio 2019-2023).”
    Se queste sono le cifre in ballo, c’è da preoccuparsi. Il privato fa ciò che vuole, i soldi pubblici invece non si dovrebbero buttare dal balcone.

  2. È curioso come si lasci intendere quel che non è. La confederazione elvetica non ha sborsato alcun contributo, così come il Canton Ticino o altre entità pubbliche. Il giornalismo, oltre a evidenziare i risultati, dovrebbe indagarne le origini. Dovrebbe chiarire ai lettori come si è giunti al traguardo. Trattandosi di un opera del costo di svariate decine di milioni forse sarebbe opportuno farlo. I bilanci del Fiore di Pietra poi, a parte il periodo immediatamente a ridosso dell’inaugurazione, non sembrano confortanti. Invece che celebrare un presunto successo, non è meglio avvertire che talune opere non stanno in piedi da sole? E aggiungo che vederle finite è bello, ma certo non creano prosperità. Il presente commento, come il precedente, è meglio cancellarlo.

    1. Gentile GIORGIO,
      abbiamo pubblicato un comunicato stampa inviatoci dagli elvetici. Non abbiamo alcun motivo per indagare in un Paese che non è il nostro. Le sue dimostranze giuste o sbagliate che siano, vanno rivolte agli svizzeri. Creda, abbiamo già il nostro bel da fare ad indagare sui conti italiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.