0 2 minuti 4 anni

Nel periodo di Lockdown ci siamo resi conto di quanto siano importanti le materie prime, tutti ci siamo cimentati in cucina, pane e pizze a volonta’.                                                                       

Abbiamo riscoperto i cibi a km. 0, la memoria mi ha subito riportata bambina quando pranzavo dalla nonna, aveva un orto e sapeva conservare senza friser e senza sottovuoto  patate, fagioli, piselli, castagne (farina a volontà’) per tutto l’inverno.                             

Aveva le galline, una mucca “la Lola”  ( latte e formaggio assicurato) inoltre raccoglieva nei prati e nei boschi erbe commestibili e frutti di bosco. Era una cucina semplice la sua ma ancora ricordo il sapore del suo riso e prezzemolo, del riso e latte, della frittata alle ortiche, degli asparagi selvatici ai primi di maggio, della sua fugasceta e dei dolci con le castagne.                                                                                  

 Mi sono così’ resa conto che 50 anni  fa dalla nonna si mangiava km. 0 e che la sua cucina era sicuramente bio, quello che per lei era un modo di cucinare “normale”, oggi e’ una cucina “ricercata”.                                                                                         

Marinella Piazzoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *