Il successo di “Racconti brevi in Valle”

29 Luglio 2020 By VALLE INTELVI NEWS 0

Piu’ di 150 racconti per il premio letterario promosso dalla Biblioteca di Schignano, i racconti sono giunti da tutta l’Italia e dall’estero.

Premio letterario sulla Resistenza e liberazione RadioSapienza

Con 152 racconti provenienti da tutta Italia e non solo, si conferma il grande successo del Premio letterario “Racconti (brevi) in Valle” per scrittori non professionisti, promosso dalla Biblioteca del Comune di Schignano.

Giunto quest’anno alla terza edizione, negli anni il Premio ha visto un incremento di partecipanti. Alla prima edizione, nel 2018, hanno partecipato 15 racconti, alla seconda edizione del 2019 58, fino ad arrivare ai 152 di quest’anno. Significativa la partecipazione di racconti provenienti dall’estero: nelle tre edizioni sono giunti scritti da Egitto, Las Palmas (città principale dell’isola di Gran Canaria, nell’arcipelago delle Canarie), Romania, Danimarca, Venezuela e Svizzera.

La giuria è ora al lavoro per designare i racconti meritevoli per le categorie Storico/autobiografico, Fantasy, Sportivo, temi scelti per questa edizione del Premio. La cerimonia di premiazione è prevista per sabato 3 ottobre alle 16.30 a Schignano.  I vincitori di ciascun genere riceveranno una medaglia, un attestato e un premio in denaro. Verranno inoltre premiati, se ritenuti particolarmente meritevoli, il più giovane concorrente sotto i vent’anni e un autore del “bacino schignanese”.

Mauro Madia, consigliere comunale e ideatore del Premio letterario,  commenta così: “Il concorso quest’anno ha avuto un successo notevole sia per numero di invii che per provenienza. Purtroppo la crisi sanitaria del COVID ha impedito una buona pubblicità con i volantini sul territorio e ne ha pagato quindi la ricezione di racconti dalle valli…Ha funzionato bene la promozione fatta su Internet e onestamente non ha avuto un buon esito il micro volantinaggio comunque eseguito nel paese, sono infatti arrivati solo tre racconti dal territorio Schignanese. Un plauso in anticipo va ai giudici che volontariamente si sono offerti di lavorare a questo concorso. Quest’anno avranno molto più da lavorare rispetto alle scorse edizioni!”

Attendiamo quindi il 3 ottobre per sapere chi si aggiudicherà l’ambito premio.

Denise Peduzzi