Case di riposo, la mappa del contagio al Sud - LiberEtà

Qualche spunto di riflessione, per poi trarre conclusioni. Probabilmente le strutture nella nostra valle sono una eccellenza e l’attenzione verso gli anziani è molto. Noi ci riferiamo alla Lombardia in generale.

Sicuramente non è questo il modo di riuscire a ricostruire una catastrofe imputabile ad una serie di concause; eppure bisogna fare chiarezza, anche solo parzialmente bisogna provarci. Le case di riposo da lungo tempo definite dei veri e propri “paradisi” per le persone di una certa età, si sono rivelate degli inferni a cielo aperto. Perché l’epidemia è precipitata proprio nei luoghi in cui doveva essere tenuta al bando?

Cercheremo di stilare una breve lista degli errori:

1) aver sottovalutato l’emergenza:

ebbene sì, sottovalutare l’emergenza è stato uno dei fattori che hanno di più scoperto il fianco a questo terribile morbo, ha fatto sì che ci cogliesse più impreparati, e soprattutto le RSA dovevano provvedere ad accertarsi che gli operatori interni non avessero avuto contatti, e godessero di buona salute; purtroppo queste misure sono state di gran lunga prese sottogamba, permettendo l’entrata e l’uscita incontrollata del virus. Proprio le RSA appena si è saputa l’emergenza dovevano provvedere ad equipaggiare il loro personale sanitario per tutelare al meglio le persone ospitate.

2) aver taciuto le condizioni di salute:

ebbene sì, purtroppo si è riscontrato anche questo dato comune dai rapporti delle rse lombarde, infatti, tendendo a svalutare quella che poteva sembrare una banale influenza (in un contesto, però, di epidemia da Coronavirus) , hanno favorito la diffusione: o facendo entrare le persone deliberatamente, o mantendo i contatti tra anziano ed anziano e così favorendo la diffusione.

3) non aver rinunciato alle rette 2/3 mesi:

sì, sarebbe bastata la rinuncia di 2/3 rette per evitare un ecatombe e questo perché, le RSA, dovevano essere in grado di “de-responsabilizzarsi” non riuscendo a garantire l’integrità della salute dei loro ospiti; dovevano rivolgersi francamente alle famiglie ed attuare un piano di evacuazione, cosa che invece è stata trascurata.

4) aver mentito sui dati:

le menzogne sui dati delle mroti sono evidenti, le cosiddette “morti sospette” sono pressoché tutte riconducibili a morti per coronavirus, e questo si è cercato di evitarlo si all’ultimo momento affinché non si creasse scompiglio e non si danneggiasse l’immagine delle RSA; purtroppo questo atteggiamento ha peggiorato la situazione.

Queste sono sicuramente 4 cose che hanno inciso fortemente sull’andamento di questa catastrofe annunciata.

REDAZIONE V.I.N.

scriveteci nei commenti grazie…

Di VALLE INTELVI NEWS

Giornale con notizie della Valle Intelvi ma con uno sguardo attento sul mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.