I funghi offrono stupore in abbondanza, quindi esci e foraggia nel pacciame, finché sei ancora in tempo

1 Dicembre 2021 By VALLE INTELVI NEWS 0

(forse noi a Lanzo non lo siamo più)

Funghi che crescono nella muffa delle foglie sul suolo della foresta a Ranmore Common, Surrey, Regno Unito, novembre 2020
“I funghi che vediamo sono i corpi fruttiferi di reti fungine invisibili e sotterranee che scompongono i nutrienti del suolo e collegano le radici degli alberi su lunghe distanze”. Fotografia: Stephen R Johnson/Alamy

mer 1 dic 2021

I funghi stanno avendo un momento magico. Le rappresentazioni culturali dei funghi stanno proliferando: dai collage di funghi psichedelici di Seana Gavin mostrati alla Somerset House l’anno scorso; al bestseller Entangled Life, del micologo Merlin Sheldrake stiamo vedendo che c’è di più nel fungo di quanto sembri. Le sperimentazioni sul potenziale terapeutico della psilocibina , derivata dai funghi “magici”, stanno tornando persino alla medicina moderna.

E dopo una delle estati più piovose che ricordi, fioriscono anche i funghi locali . I rapporti sull’individuazione di funghi da parte del pubblico alla Royal Horticultural Society sono aumentati del 76% rispetto al 2020, a causa di un anno eccezionale.

Dovremmo rallegrarci di questa nuova prospettiva micocentrica. I funghi sono stati a lungo trascurati – ignorati dagli sforzi di conservazione globale (le reti fungine vengono mappate solo ora per la prima volta), disprezzati dai fungofobi che temono che siano tutti velenosi, insegnati poco a scuola e scienze della terra – ma ci sono una miriade di ragioni per prestare maggiore attenzione. Vagare nel mondo dei funghi è sconvolgente e infinitamente incantevole. Ed è disponibile appena fuori dalla tua porta.

I funghi che vediamo sono i corpi fruttiferi – gli organi riproduttivi che producono spore – di reti fungine invisibili e sotterranee che distruggono i nutrienti del suolo e collegano le radici degli alberi su lunghe distanze. E sono abbondanti in Gran Bretagna e Irlanda miti e temperate. L’individuazione dei funghi è facile da raccogliere. A differenza del birdwatching o dell’avvistamento di mammiferi, quando potresti essere fortunato a vedere uno o due animali, tendi a vedere i funghi in gruppi. Sono un “sempre troppi”, come dice l’antropologa Anna Tsing, o “Tanti di noi! Tanti di noi!”, nelle parole di Sylvia Plath.

Il ruolo del caso rende anche l’avvistamento di funghi piacevolmente fortuito; non sai mai esattamente cosa vedrai. Le condizioni devono essere esattamente giuste affinché puhpowee – la bella parola Potawatomi per la forza che fa sollevare i funghi dalla terra durante la notte – si verifichi per ogni specie. Ognuno compare a intervalli diversi durante la stagione, come una sinfonia fungina improvvisata . La loro effimero rende ancora più dolce il momento della scoperta.

I funghi non sono solo gambi e cappelli. Esiste una vasta gamma di forme e strutture. Ci sono pestelli e corna, berretti e croste, zoccoli e dita, coppe e nidi. Ombrelli, imbuti, ombrelloni; truppe e ceppi. Il motivo crepitante del berretto di un corno puzzolente; l’esterno viscido e scivoloso di un berretto di cera di pappagallo; la parrucca ispida di un calamaio, che trasuda; le punte umbonate come piccoli capezzoli.

Vuoi il colore? C’è scarlatto, zafferano, ocra, rosa zucchero filato, turchese, viola. Nomi poetici? Candlesnuff, burro di strega, Earthstar, disco di limone, cavaliere di zolfo, angelo distruttore. odori? Aromi di albicocca, mandorla, pesce, ravanello, formaggio.

Personalmente amo le cose strane. Cerco sempre il fungo della bistecca marrone-rosso scuro che gocciola una sostanza simile al sangue quando viene tagliato; o funghi bioluminescenti che si illuminano al buio (anche se è improbabile che lo vedrò in Inghilterra.)

La caccia con i bambini è particolarmente efficace. Grazie alla loro altezza e ai poteri di osservazione chiari, i bambini possono individuare ogni sorta di cose invisibili all’occhio adulto. Guardare nuvole di spore eruttare da sbuffi, o portare a casa un esemplare per fare impronte di spore, o semplicemente cercare di identificare un fungo lì per lì può approfondire un senso di intrigo o parentela.

Nel Regno Unito, abbiamo un’incredibile varietà di funghi, ma anche barriere che ostacolano la ricerca di cibo o semplicemente l’osservazione dei funghi, come è popolare in Francia, Germania e altri paesi europei. Le leggi di violazione e disconnessione dalla natura hanno portato all’ecofobia e alla “cecità fungina”, come dice Sheldrake, che ci hanno separato dai nostri parenti fungini.

Quindi potremmo beneficiare di una nuova relazione con i funghi. Il timore reverenziale fa bene alla nostra salute e, anche se in Gran Bretagna potremmo non avere grandi canyon o enormi catene montuose o una megafauna carismatica, ne abbiamo in abbondanza attraverso i funghi.

Man mano che impariamo di più su come le reti fungine comunicano e influenzano ecosistemi più ampi, come la rete boschiva , i funghi potrebbero avere lezioni importanti per la crisi planetaria. Il puro buon senso e brio dei funghi possono aiutarci a immaginare nuovi futuri e possibilità. I funghi rappresentano la possibilità di trasformazione e la realtà fondamentale dell’interconnessione ecologica, della collaborazione e dell’entanglement interspecie.

I funghi legano anche il carbonio nei composti organici che producono. Sono abbastanza forti da sfondare le pietre del selciato. Il loro processo invisibile e invisibile finché, oh, eccolo. Pensare attraverso i funghi sembra un modo fruttuoso per immaginare un diverso tipo di mondo.

Sarebbe negligente scrivere di funghi senza rendere omaggio a Roger Phillips , l’amatissimo autore e padrino del foraggiamento, morto il mese scorso. Per molti, i suoi libri sono le guide definitive ad altre specie nel nostro mondo vivente e la sua presenza su Instagram nei suoi ultimi anni è stata fonte di conoscenza, passione e meraviglia.

Per coloro che iniziano, una guida di Phillips è un buon punto di partenza. La tua organizzazione per la natura locale o la tua fiducia per la natura può organizzare passeggiate alla ricerca di funghi o alla ricerca di cibo. La British Mycological Society e altre società tengono eventi e conferenze. Quando sei fuori, non dimenticare di guardare in basso – su legno morto, intorno a ceppi e tronchi d’albero – e in alto – per funghi simili a staffe o staffe come il pollo dei boschi. Una lente di ingrandimento o una lente a mano possono dare una prospettiva più ravvicinata, in particolare per i funghi resupinati, che sembrano macchie di vernice sulla corteccia. Imparerai ad amare la pioggia, perché porterà un’abbondanza di funghi. Le tue ginocchia si infangeranno esaminando il fondo di siepi e fossati.

Presto! Prima che cadano tutte le foglie e il pacciame ne metta la maggior parte a letto. C’è ancora tempo.