Il Ministero spiega come comportarsi con il GreenPass | Soluzioni Al Debito

Il green va di moda… sentiamo la parola sulla bocca di molti, ma pochi davvero pochi sono veramente amanti della natura e rispettosi del verde del pianeta, dell’acqua dei fiumi, dei laghi, dei torrenti e del mare. Noi amiamo la natura e gli animali e sarà per la nostra lunga permanenza a Milano, che ogni “sgarbo” arrecato ad essi ci ferisce profondamente. Per questo ci siamo dati subito da fare in Valle e abbiamo segnalato cose che a parer nostro non andavano fatte. Naturalmente ci siamo tirati addosso le ire di questa o quella amministrazione, ma come si dice “il fine giustifica i mezzi”. Vi assicuriamo che non ci fermeremo, saremo attenti osservatori di ciò che ci circonda e chiediamo a voi di fare la stessa cosa e di segnalarci ciò che secondo voi non va.

Questo vale per il verde di questa splendida valle, per gli animali e per qualsiasi cosa non sia rispettata. Sul nostro gruppo FaceBook abbiamo scatenato una vera e propria battaglia tra chi difendeva i tagli indiscriminati degli alberi e chi no, abbiamo compreso che molte persone non desiderano esporsi per non contrastare questo o quel personaggio politico, Per questo motivo abbiamo attivato un numero telefonico al quale potrete rivolervi senza apparire, eccolo:

REDAZIONE DI VALLE INTELVI NEWS

329 0486644

Un pensiero di Papa Benedetto XVI sull’importanza della tutela dell’ambiente


“La terra è dono prezioso del Creatore, il quale ne ha disegnato gli ordinamenti intrinseci, dandoci così i segnali orientativi a cui attenerci come amministratori della sua creazione. E’ proprio a partire da questa consapevolezza, che la Chiesa considera le questioni legate all’ambiente e alla sua salvaguardia intimamente connesse con il tema dello sviluppo umano integrale. A tali questioni ho fatto più volte riferimento nella mia ultima Enciclica Caritas in veritate, richiamando “l’urgente necessità morale di una rinnovata solidarietà” (n. 49) non solo nei rapporti tra i Paesi, ma anche tra i singoli uomini, poiché l’ambiente naturale è dato da Dio per tutti, e il suo uso comporta una nostra personale responsabilità verso l’intera umanità, in particolare verso i poveri e le generazioni future (cfr ivi, 48). Avvertendo la comune responsabilità per il creato (cfr ivi, 51), la Chiesa non solo è impegnata a promuovere la difesa della terra, dell’acqua e dell’aria, donate dal Creatore a tutti, ma soprattutto si adopera per proteggere l’uomo contro la distruzione di se stesso. Infatti, “quando l’«ecologia umana» è rispettata dentro la società, anche l’ecologia ambientale ne trae beneficio” (ibid.). Non è forse vero che l’uso sconsiderato della creazione inizia laddove Dio è emarginato o addirittura se ne nega l’esistenza? Se viene meno il rapporto della creatura umana con il Creatore, la materia è ridotta a possesso egoistico, l’uomo ne diventa “l’ultima istanza” e lo scopo dell’esistenza si riduce ad essere un’affannata corsa a possedere il più possibile. Il creato, materia strutturata in modo intelligente da Dio, è affidato dunque alla responsabilità dell’uomo, il quale è in grado di interpretarlo e di rimodellarlo attivamente, senza considerarsene padrone assoluto. L’uomo è chiamato piuttosto ad esercitare un governo responsabile per custodirlo, metterlo a profitto e coltivarlo, trovando le risorse necessarie per una esistenza dignitosa di tutti”.

(Papa Benedetto XVI – dall’Udienza Generale del 26 agosto 2009)

Fienagione, tutte le innovazioni

Maggior tutela per gli animali allevati

Sperimentazione sugli animali

il Nord bersagliato dal maltempo

Popillia japonica arriva in Emilia, avanzata inarrestabile dell’insetto

Locale è bello

Michela è la Heidi della Valle

Decontribuzione, 426 milioni alle filiere agroalimentari

CANTINE ANGELINETTA di Domaso, vince il concorso internazionale per la viticultura estrema

C’è un “sistema” per il benessere animale