Elezioni Alta Valle Intelvi:la vittoria degli astenuti

13 Giugno 2022 By VALLE INTELVI NEWS 0
Astensionismo anche in Alta Valle

È da poco terminata la seconda tornata elettorale del Comune di Alta Valle Intelvi (nato dalla fusione di Lanzo d’ Intelvi, Pellio Intelvi e Ramponio Verna), rieletto con alte percentuali il Sindaco uscente Grandi Marcello, ma chi ha vinto veramente le elezioni?

Gli astenuti hanno dominato la scena senza possibilità di smentita, tanto è : Medie che si attestano ai livelli nazionali e che decretano la fine della cosiddetta Politica più in generale.

Ma andiamo ai numeri, dei 2.888 elettori del Comune se ne sono recati alle urne 1.569 pari al 54,33% degli aventi diritto, mentre i restanti 1.319 votanti pari al 45,67% hanno preferito godere della giornata soleggiata per fare altro.

Pertanto il cosiddetto “Partito dell’astensionismo” si attesta sul 45,67%, cittadini non rappresentati da nessuno, né dalla Lista 1, né dalla Lista 2. E indovinate un po’, sono la maggioranza.

Se andiamo nei meandri dei numeri ci accorgiamo che tra i 1.569 votanti, la Lista capitanata da Grandi Marcello prende 1.042 voti (in calo rispetto alla tornata del 2017), mentre la Lista capitanata da Grandi Luigi 473 voti (in netto calo rispetto alla Lista del 2017), che ci porta alle percentuali di vittoria del Sindaco uscente (68,78%) contro lo sfidante (31,22%).

Si contano anche 54 schede bianche/nulle pari al 3,44% (nel 2017 erano 53) dei votanti a fronte del 96,56% dei voti validi.

Il quadro generale si può riassumere in tal senso, spalmato sul numero di elettori del Comune:

• Lista 1 Grandi Luigi           16,38% 

• Lista 2 Grandi Marcello    36,08%

• Astensionismo                   45,67%     

• Schede Bianche/Nulle         1,87%

L’augurio per un buon lavoro al Sindaco uscente è dovuto, così come alla minoranza eletta. Ma nulla ci dovrebbe far divergere dal dato reale, ovvero quella parte di cittadinanza che di per sé è la maggioranza e che ha stravinto le elezioni.

N.B. Dati ufficiali della Prefettura di Como

George Huxley