Andrea Bonomi

Dopo le indiscrezioni degli ultimi giorni, adesso, arriva anche l’ufficialità: Eataly diventerà di proprietà di Investindustrial. Secondo quanto dichiarato in una nota ufficiale, la società di private equity dell’imprenditore Andrea Bonomi investirà 200 milioni di euro e, contestualmente, acquisirà una parte delle quote detenute dagli azionisti esistenti (per altri 140 milioni di euro secondo MilanoFinanza), fino ad arrivare al 52% della nota catena attiva nel mondo della ristorazione e nella vendita di prodotti alimentari di alta qualità made in Italy. Si tratterebbe, quindi, di un investimento totale pari a 340 milioni di euro.

Investindustrial ed Eataly

  • In una nota odierna, Investindustrial ha annunciato che investirà 200 milioni di euro in Eataly e acquisterà parte delle quote detenute da azionisti esistenti, fino ad arrivare alla maggioranza della società. Secondo MilanoFinanza Investindustrial sborserà altri 140 milioni di euro per acquisire le quote.
  • Al closing, quindi, Investindustrial di Andrea Bonomi deterrà il 52%, mentre i soci storici Eatinvest (famiglia Farinetti), la famiglia Baffigo/Miroglio e Clubitaly (Tamburi Investment Partners) possiederanno complessivamente il restante 48% del capitale.
  • Come dichiarato nella nota, “l’investimento azzererà l’indebitamento finanziario netto di Eataly e massimizzerà la flessibilità finanziaria per i piani di espansione globale del gruppo”.

Le dichiarazioni

“Siamo lieti di poter sostenere Eataly, esempio di eccellenza italiana nel mondo, come partner di lungo periodo. Grazie alla visione e capacità imprenditoriale della famiglia Farinetti, Eataly rappresenta un player unico e innovativo che ha guidato la rivoluzione del concetto di cibo italiano di alta qualità in tutto il mondo”, ha dichiarato a margine dell’accordo Andrea Bonomi, presidente dell’advisory board di Investindustrial, che ha aggiunto: “Non vediamo l’ora di supportare Eataly sfruttando la nostra profonda esperienza nell’aiutare le aziende a crescere a livello globale nel rispetto dei criteri esg e sostenibilità. Preserveremo il dna unico della società, mantenendo il suo profilo di sostenibilità, e di controllo della catena di approvvigionamento e integrità”

Soddisfatto anche Nicola Farinetti, amministratore delegato di Eataly: “L’accordo che abbiamo firmato lancia una partnership strategica che proietta Eataly in una nuova fase della sua storia, accelerandone la crescita internazionale. Questa partnership ci consentirà di rafforzare il nostro format unico a livello mondiale, promuovere progetti innovativi legati all’innovazione e migliorare le nostre capacità. Siamo felici di intraprendere questo nuovo percorso insieme a un partner così rispettabile come Investindustrial, che condivide i valori e la visione di Eataly, e ha scelto di supportarci nel raggiungimento del nostro obiettivo di essere l’ambasciatore italiano del “Made in Italy” nel mondo”. 

Gli obiettivi dell’operazione

L’aumento di capitale di Investindustrial ha l’obiettivo di consolidare ed estendere il ruolo di Eataly come ambasciatore globale dell’eccellenza alimentare Made in Italy, attraverso tre strategie ben precisi: l’apertura di altri negozi di punta a livello globale, lo sviluppo di nuovi format, e l’acquisto del restante business di Eataly negli Stati Uniti.

La nuova struttura societaria di Eataly

Secondo gli accordi, Nicola Farinetti, attualmente ceo di Eataly, ricoprirà la carica di presidente. Lasciando così vuota, almeno momentaneamente, la poltrona di amministratore delegato, che sarà annunciato a breve. Probabile che sarà un uomo di fiducia dello stesso Bonomi.

In cifre

Recentemente, la società di Andrea Bonomi ha investito oltre 2,5 milioni di euro nel settore della ristorazione

LEGGI ANCHE: “Oscar Farinetti racconta il made in Eataly”

fonte: FORBES.IT

Di VALLE INTELVI NEWS

Giornale con notizie della Valle Intelvi ma con uno sguardo attento sul mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.