0 3 minuti 7 mesi

RISPONDETE AL SONDAGGIO A FONDO PAGINA SUL GRADIMENTO DELLE DUE FUSIONI DELLA VALLE INTELVI

Il numero dei Municipi italiani è sceso solo di 200 unità in 20 anni: siamo ancora un Paese di piccoli Comuni. Lo rileva la Fondazione Think Tank Nord Est che discuterà il 16 febbraio come rilanciare le fusioni in un convegno al Senato. Non siamo più il Paese degli 8.000 Comuni.
Dal 2001 ad oggi, in Italia, il loro numero è sceso a 7.901. I Comuni con meno di 5.000 abitanti sono ancora 5.529 (il 70% del totale), mentre 2.005 Municipi hanno meno di 1.000 abitanti (il 25%). I piccoli Comuni si trovano soprattutto nelle aree alpine (coprono vaste zone del Nord Ovest, di Trentino A.A. e Friuli V.G.) ed appenniniche (in particolare tra Abruzzo e Molise), ma sono presenti anche nelle basse pianure del Nord e in molte aree di Basilicata, Calabria e Sardegna. Il calo del numero dei Comuni è la conseguenza dei processi di fusione tra Municipi. In Italia ci sono stati 268 referendum di fusione: poco più della metà sono stati approvati (54,5%), per un totale di 146 aggregazioni realizzate. Il numero maggiore di consultazioni riguarda la Lombardia con 61 ed una percentuale di successo del 54,1%; 48 i referendum tenutisi in Trentino, approvati nel 60,4% dei casi. In Toscana, Veneto ed Emilia (con rispettivamente 33, 31 e 27 consultazioni) la quota di successo è inferiore al 50%.
Ottima invece la performance del Piemonte: 27 referendum con una percentuale di approvazione dell’85,2%. Nel 2018 si è registrato il maggior numero di fusioni: 30 le consultazioni approvate in quell’anno, contro le 27 del 2015 e le 26 del 2013.
Indubbiamente, prima l’introduzione e poi il rafforzamento degli incentivi statali hanno stimolato i percorsi di fusione.
Tuttavia, l’interesse per le aggregazioni si è affievolito negli ultimi anni: infatti ne sono state realizzate solo 5 dal 2019 in avanti.

La Valle Intelvi ha sperimentato due fusioni importanti, la prima datata 1° gennaio 2017 con la nascita del comune di Alta Valle Intelvi mediante la fusione dei comuni di Lanzo, Scaria, Pellio e Ramponio Verna. La popolazione dei tre comuni si era espressa favorevolmente alla fusione tramite referendum il 20 novembre 2016 con il voto del 66% degli abitanti dei comuni interessati.

La seconda datata 1 gennaio 2018 con la nascita del Comune di Centro Valle Intelvi mediante la fusione dei Comuni di S.Fedele, Casasco e Castiglione. Anche in questo caso la popolazione si è espressa favorevolmente alla fusione tramite referendum il 22 ottobre 2017 con il voto del 72,42%.degli abitanti dei tre comuni interessati.

Sarà interessante sapere a distanza di oltre 5 anni dagli eventi, che cosa pensano i cittadini di Alta Valle e Centro Valle sulla fusione dei loro rispettivi comuni, cerchiamo di scoprirlo.

MV

Inizia il sondaggio ADESSO!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *