Il pomodoro è l’emblema della cucina italiana.

Alla base della dieta mediterranea, il pomodoro è l’emblema della cucina italiana. Ecco tutte le varietà italiane e come utilizzarle in cucina sfruttando al meglio le loro caratteristiche

E pensare che nel XVI secolo, dopo essere giunto a Napoli dall’America Centrale e Meridionale, il pomodoro veniva utilizzato come pianta ornamentale, perché si credeva che i suoi frutti fossero velenosi. Solo all’inizio del XVIII secolo ci si accorse che poteva essere impiegato come ingrediente a tavola. La consacrazione avvenne nella seconda metà dell’Ottocento. Da allora, non conosce crisi. Espressione dell’autentica cucina italiana, il pomodoro viene coltivato in diverse regioni.

Le varietà sono tantissime e i sapori cambiano a seconda del clima, dell’acqua e della terra in cui crescono. Ma quali sono le principali varietà nostrane e a quali utilizzi si prestano? Vediamo una breve rassegna.

Le varietà del pomodoro (e come usarle in cucina)

Camone. È il pomodoro sardo tondeggiante, dal colore rosso e verde. La produzione si concentra nelle zone meridionali della Sardegna. Per la sua consistenza croccante, è consumato crudo tagliato a spicchi. È perfetto nelle insalate di riso o tagliato a metà e ripieno di salsa verde.

Cuore di bue. Coltivato in diverse zone d’Italia, è un pomodoro da insalata, grosso e irregolare, con buccia liscia e sottile. Il suo peso può arrivare al mezzo chilo. È molto saporito, aromatico, quasi piccante e con pochissimi semi nella polpa.

Datterino. Cresce in grappolo e ha forma piccola e allungata. Dal sapore molto dolce, è ideale per il consumo fresco, in particolare per la preparazione di sughi, ma è anche protagonista di piatti da chef. Può essere abbinato a portate di pesce o a formaggi in crema.

Il prossimo articolo proporrà ricette a base di pomodoro.

fonte CUCINA ITALIANA

wp_121693

GIORNALE DELLA VALLE INTELVI NETO NEL LUGLIO 2020

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *