LE BONTA’ DELLA VALLE…. E NON SOLO

LE bontà della Valle e non solo

la Valle Intelvi ha solo l’imbarazzo della scelta. Noi vi invitiamo ad inviarci le ricette delle vostre nonne, quelle speciali che vi trasmettete di generazione in generazione. Abbiamo ricevuto e pubblichiamo con grande emozione l’immagine di un libro di ricette di nonna Gianna. Classe 1917. Nonna di Loredana Lanfranconi che ringraziamo di cuore.

Nel frattempo pubblichiamo alcune ricette che hanno come protagonista LA MELA.

La frittella di mela è un dolce semplice da preparare, veloce e delizioso. Si prepara spesso in occasione del Carnevale insieme alle tante ricette “in maschera”, ma è perfetto in ogni occasione. Si fa mangiare – eccome – a colazione, per merenda, come dessert di fine pasto. L’unico consiglio, se ci riuscite, è quello di non esagerare: sono dolci fritti e quindi abbastanza calorici.

La ricetta è nata molto probabilmente in Alto Adige, la zona d’Italia che può vantare la più grande produzione di mele, ma ormai la frittella di mela è diventata un dolce tipico di quasi tutte le regioni italiane.

Frittelle di mela.

Frittella di mela: la ricetta

Ingredienti

Per preparare questo veloce e buonissimo dolcetto vi serviranno: 3 mele, cannella in polvere, 1 limone, zucchero semolato, 250 g di farina, 2 uova, 100 ml di latte, lievito per dolci.

Procedimento

La preparazione della frittella di mela perfetta inizia sbucciando la frutta e privandola del torso. Vanno poi tagliate a fette spesse circa 7 mm. Le fette di mela vanno poi bagnate con il succo di un limone, con una spolverata di cannella e un cucchiao di zucchero, mescolando tutto il composto energicamente per insaporire la frutta.

Mentre le mele si insaporiscono si può passare alla preparazione della pastella per friggere le frittelle. In un recipiente abbastanza capiente basta mischiare le uova con due cucchiai di zucchero, aggiungere la farina e la buccia di un limone grattugiato e, solo alla fine, mezza bustina di lievito per dolci. Il composto deve essere morbido, ben amalgamato e privo di grumi.

Immergete quindi le fettine di mela nella pastella e mettete a scaldare l’olio pre friggere (meglio quello di arachidi) in una padella. Le frittelle vanno fritte al massimo due per volta, stando attenti a metterle in padella con il classico buco nel mezzo e senza far colare troppo la pastella. Basta un minuto per lato, la frittella di mela è pronta quando è dorata, non deve bruciarsi.

Scolatele, fatele asciugare sulla carta assorbente e passatele nello zucchero semolato prima di servirle. Si possono mangiare calde, ma sono buone anche fredde, provare per credere.

PER IL BRODO DI MELA
Sbucciate le mele e privatele dei torsoli. Raccogliete torsoli e bucce in una casseruola con 1/2 litro di acqua, 1 cucchiaio di zucchero e 1 cucchiaino di succo di limone.
Fate bollire dolcemente per 20 minuti, spegnete e filtrate. Fate ridurre il brodo di mele almeno della metà e lasciatelo raffreddare.

PER LE MELE COTTE
Tagliate le mele pulite in quarti e disponeteli in una padella abbastanza grande da contenerli senza che si sovrappongano. Aggiungete 1 cucchiaio di zucchero, 1 cucchiaino di succo di limone, 2 stelle di anice, 4 chiodi di garofano, un pezzetto di stecca di cannella e 4 cucchiai di acqua. Coprite con un coperchio e fate cuocere per 8-10 minuti girandole a metà cottura.
Servitele con il brodo.

MELE GRATINATE AL FORNO

Per la ricetta delle mele gratinate al forno, mettete a riscaldare il latte, senza però farlo bollire. In una ciotola mescolate i tuorli con g 80 di zucchero e la farina, setacciata insieme con mezza bustina di vanillina. Stemperate il composto con il latte caldo, fatto scendere a filo, poi versate la crema nella casseruola già usata e portatela su fuoco moderatissimo, facendola sobbollire per 4-5′, sempre mescolando per evitare il formarsi di grumi.

Spegnete e lasciate raffreddare. Sbucciate intanto le mele e tagliatele a spicchi. Torniteli, dando loro la forma di bastoncini di patate. Man mano che saranno pronti, gettateli in una ciotola colma d’acqua fresca, acidulata dal succo di mezzo limone. In una larga padella ponete a rosolare g 20 di burro con 2 cucchiaiate di zucchero e smuovendo il tutto con mezzo limone infilato su una forchetta fategli assumere una consistenza leggermente caramellosa. Allora aggiungete nella casseruola gli spicchi di mele sgocciolati e rigirateli, a fuoco vivo, perché si insaporiscano bene.

Toglieteli al dente e trasferiteli in una pirofila, nella quale avrete già versato la crema preparata, cosparsa anche con cinque amaretti sbrinati. Passate al tritatutto elettrico i savoiardi e l’amaretto rimasto, ottenendo una polvere fine che metterete in un setaccino, facendola quindi cadere sulle mele. Infiocchettate con il burro rimasto, quindi passate la pirofila al grill per 2-3′, cioè solamente per il tempo necessario al formarsi di una crosticina dorata. Servite le “patate” tiepide.

in collaborazione con LA CUCINA ITALIANA


Vedi anche LA FURMENTADA